Fuori dalla caverna di Platone

4+
7+

In occasione di FilosoFare, ho presentato quattro laboratori, a gruppi di bambini suddivisi nelle fasce di età 4-6 anni e 7-10 anni, presso la Biblioteca Comunale di Campogalliano e la MABIC di Maranello. I quattro laboratori declinano in altrettante forme una riflessione sul mito della caverna di Platone. Si raccolgono qui gli elaborati finali prodotti dai bambini che hanno scelto la forma del disegno o la forma mista disegno-testo. Altri elaborati, non presenti in questo post, sono costituiti da testi narrativi.

Fuori dalla caverna (4-6 anni)
Key-words: meraviglia, conoscenza, natura

In Fuori dalla caverna, per bambini tra i 4 e i 6 anni, proviamo a immaginare e a rappresentare con un disegno tutto ciò che sorprende il prigioniero all’uscita dal luogo in cui è da sempre confinato. Tutto è nuovo ai suoi occhi. Nei disegni e nelle osservazioni dei bambini, troviamo: fiori, navi, alberi, altre persone, la luce, gli uccelli, le case, ma anche il denaro e l’amore.

Il prigioniero vede due fidanzati litigare, hanno il cuore infranto. Si chiede: “Che cos’è questo?”. Avendo vissuto sempre nella caverna, non sa cosa sia l’amore.
Arrivato nel mondo esterno, il prigioniero scopre l’esistenza del denaro, di cui è sprovvisto, e la necessità di possederne per poter accedere al cibo.

C’era una volta Platone (4-6 anni)
Key-words: rappresentazione, comunicazione, conoscenza, esperienza

In C’era una volta Platone, rivolto alla stessa fascia di età, i bambini sono invitati a immaginare in che modo il prigioniero, liberatosi e rientrato nella caverna, potrebbe convincere i suoi compagni dell’esistenza di un mondo esterno e di ciò che lo abita, per esempio, un fiore. I bambini ipotizzano che potrebbe spiegarlo a parole, inciderne il disegno sulla roccia – in quel caso, nel buio della caverna, dovrebbe portare una fiaccola, e questo gli permetterebbe di raccontare anche che cos’è il Sole -, potrebbe portare direttamente un fiore reciso nella caverna, oppure liberare i compagni e mostrare loro le sue scoperte direttamente là fuori, nel mondo.

Che cos’è la verità? (7-10 anni)
Key-words:
conoscenza, credenza, abitudine, alterità

Nel laboratorio Che cos’è la verità?, dopo aver ricostruito collettivamente lo svolgimento del mito, a partire da una serie di sei tavole che ne illustrano le tappe, senza, dunque, l’ausilio di una narrazione verbale, i bambini, tra i 7 e i 10 anni, sono invitati a sciogliere un nodo della storia: perché i prigionieri vanno su tutte le furie, quando il filosofo rientra nella caverna e racconta ciò che ha visto fuori? Riflettiamo sull’abitudine e sulla difficoltà di comprendere ciò che ci è estraneo. Gli elaborati, in questo caso, sono testi, disegni, o forme miste.

Ombre, bugie, verità (7-10 anni)
Key-words:
conoscenza, valore, scelta, scoperta, abitudine

In Ombre, bugie, verità, rivolto alla stessa fascia di età, elaboriamo un finale della storia: cosa succede dopo che i compagni di prigionia attaccano il prigioniero filosofo? In qualche caso, essi resteranno là dove sono sempre stati, perché si trovano bene così, visto che non conoscono altro, mentre il filosofo abbandona la caverna per vivere una vita piena, costruendo un accampamento nel bosco, o inserendosi nel tessuto di una città; in qualche caso, invece, il filosofo riesce a convincere i compagni a cercare la strada della libertà e della scoperta. Gli elaborati, in questo caso, sono testi, disegni, o forme miste.

Pubblicità